Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘guarire’

Arriva il freddo e puntuale come le tasse l’Amica invisibile decide di essere piu’ presente…

Sono giorni duri e difficili, tante cose da fare e programmi che vengono regolarmente disattesi e annullati.

Nei miei momenti di immobilità leggo, cerco, studio. Perchè non mi arrendo a questa amica invisibile e non voglio credere di dover vivere tutta la Vita in modo così precario, ignoto, incerto.

Casualmente riprendo in mano un libro che ho letto parecchi anni fa’ “Guarire” di David Servan-Schreiber (che mi fu’ consigliato da un Amico carissimo) e ho voluto leggere qualche capitolo a caso e sono capitata sul capitolo 7 “L’energia della Luce: regolare il proprio orologio biologico” .

Mentre procedo con l’interessantissima lettura del capitolo arrivo al “case history”: un imprenditore di 40 anni al quale viene diagnosticata la Fibromialgia”, ed io che credo fortemente nelle coincidenze mi sono chiesta “ecco perchè ho voluto riprendere in mano questo libro e iniziare proprio da questo capitolo!!!”

In questo capitolo comunque viene riportata l’importanza del ritmo imposto dalla Luce naturale, non per ultimo, proprio al ciclo del sonno. Parla anche delle “pressione dei sogni”, cioè la tendenza a sognare che viene proprio regolata dal ciclo del sonno. Si sogna soprattutto nella seconda metà della notte, alcune ore prima dell’abituale ora di risveglio. Infatti se proviamo a pensare alle notti in bianco che passiamo, verso le cinque/sei del mattino la nostra mente inizia ad essere sconfusionata, il cervello tende a sconnettersi, i pensieri diventano disorganizzati e fugaci… questa è la pressione dei sogni: è i cervello che cerca di sognare nonostante voi !

Insomma, per arrivare alla conclusione di questa articolata teoria, la proposta al paziente fu’ quella di prendere una di quelle lampade/sveglia che simulano l’alba. La si punta un’ora prima dell’abituale ora di risveglio durante la quale inizierà ad illuminare la stanza piano piano; in dolcezza simula la comparsa della luce nella vostra nuova giornata, prima molto lenta, poi sempre piu’ rapida ed intensa. Anche se chiusi, gli occhi sono molto sensibili a questo segnale. Dai primi raggi di luce che filtrano dalle nostre palpebre chiuse, l’ipotalamo riceve un messaggio: è il momento di organizzare la transazione fuori dal sonno. Di colpo ci si sveglia con spontaneamente con tranquillità, senza interrompere un sogno che avrà compreso da se’ di doversi concludere. La secrezione mattutina di cortisolo (il principale ormone dello stress) si avvia, la temperatura del corpo comincia la sua ascesa quotidiana. Quando l’intensità della luce aumenta, il cervello passa verso la modalità sonno leggero e poi risveglio completo.

Visto che tutti noi sappiamo quanto la Fibro sia legata anche ad un problema del sonno, ed ai nostri risvegli traumatici dove ci sentiamo sempre piu’ stanchi di quando ci siamo coricati… beh, cosa mi costa provare ?

Questa settimana correrò a cercare uno di questi apparecchi e lo metterò subito alla prova…

Vi terro’ aggiornati sui risultati. Anche se il miglioramento potrà essere minimo, ne sarei già contenta… una piccola goccia alla volta potrebbe trasformarsi in un risultato insperato.

 

Read Full Post »